Private housing

VAULT HOUSE

JOHNSTON MARKLEE


VAULT HOUSE

JOHNSTON MARKLEEarchmarathonJOHNSTON MARKLEE
1545 Pontius Avenue
CA 90025 Los Angeles, USA
www.johnstonmarklee.com
Category:
Private housing
Project selected:
VAULT HOUSE
Location:
Oxnard, California
Year:
2013

La Vault House, situata in una località marittima densamente sviluppata della California meridionale, sfida la comune tipologia delle lottizzazioni sulla riva dell’oceano.
Anziché concentrarsi prima di tutto sulla vista sull’oceano, all’interno del volume principale è stata realizzata una serie di spazi interni trasparenti stratificati che offre molteplici viste oblique attraverso la casa, catturando nel contempo la luce naturale da diverse angolazioni. Con l’assemblaggio di stanze a volta sovrapposte e unidirezionali contenute all’interno di un semplice volume rettilineo, l’orientamento parallelo dei locali agisce come filtro che estende la vista sull’oceano dalla facciata sulla riva a ovest al confine orientale del sito al di là della strada.
La casa è stata progettata in base ai vincoli imposti dalla Commissione Costiera della California, che prevedono che la zona giorno principale sia due metri al disopra della sabbia per consentire alle onde di un eventuale tsunami di passare al disotto del fabbricato.


HOUSE IN THE WOOD

WILLIAM REUE


HOUSE IN THE WOOD

WILLIAM REUEarchmarathonWILLIAM REUE
1123 Broadway Suite 904
New York, NY 10010, USA
www.wreue.com
Category:
Private housing
Project selected:
HOUSE IN THE WOOD
Location:
Ulster County, NY, USA
Year:
2013

La Casa nella Foresta è una villetta unifamiliare situata in un terreno di 8,5 acri ricoperto da una fitta foresta ai piedi dei Monti Shawangunk nel nord dello stato di New York. La residenza da 4800 piedi quadrati è il risultato dello studio del rapporto tra due geometrie opposte: una lunga parete scultorea rivestita di acciaio Cor-Ten resistente alle intemperie e una massa di pietra blu che sembra emersa da una terra cosparsa di macigni. I materiali di origine locale e il posizionamento strategico legano la casa al mondo naturale, contribuendo alla sua sostenibilità per il mondo moderno. Il progetto della Casa nella Foresta scaturisce dal desiderio della proprietaria di costruire un’abitazione originale che corrispondesse ai suoi valori di ordine, bellezza e rispetto per l’ambiente. La semplice geometria della struttura è arricchita dall’audacia dei materiali in una composizione sensuale e allo stesso tempo raffinata. La casa è un rifugio personale il cui design trae spunto dai colori e dalle superfici del paesaggio naturale.


RE-WRAPPED HOUSE

A D LAB


RE-WRAPPED HOUSE

A D LABarchmarathonA D LAB
229 Joo Chiat Road
#02-01, Singapore 427489
www.a-dlab.com
Category:
Private housing
Project selected:
RE-WRAPPED HOUSE
Location:
Singapore
Year:
2013

Il tranquillo vicolo cieco fiancheggiato da basse villette bifamiliari a Jalan Binchang è simile a molti altri di Singapore.
Costruite per lo più negli anni 1970, le doppie case a due piani in mattoni hanno ora raggiunto quella fase del ciclo di vita in cui è opportuna una ristrutturazione.
I progettisti hanno trovato nello sviluppo del pittoresco quartiere e nella sua naturale evoluzione un’importante fonte d’ispirazione per la progettazione del N. 67 di Jalan Binchang. Dopo aver discusso a lungo su come ampliare e riammodernare la casa bifamiliare esistente mantenendo l’armonia con le costruzioni circostanti, con la storia degli edifici residenziali tropicali e con l’ambiente naturale, i progettisti hanno esaminato la struttura come se stessero studiando un organismo vivente che dovesse adattarsi a un nuovo ambiente.
Anziché demolire la sua storia e reinventarla come qualcosa di completamente nuovo, hanno deciso di sfruttare la struttura, la logica interna degli spazi e il suo significato come punto di partenza per il progetto, e di partire da questo modello preesistente per trasformarlo in una nuova forma e un nuovo spazio.
Gli architetti hanno ritenuto importante studiare il modo in cui lo spazio si può evolvere nel tempo e in base alle condizioni variabili degli abitanti, al fine di prolungare la vita utile del fabbricato. Hanno poi deciso di mantenere in sede l’intera villetta bifamiliare a 2 piani, anche per ridurre i rifiuti, risparmiare sui costi del progetto e contenere al minimo il disturbo ai vicini.


TRESARCA

ASSEMBLAGE


TRESARCA

ASSEMBLAGEarchmarathonASSEMBLAGE
817 South Main Street Ste. 200
Las Vegas, NV 89101, Stati Uniti
www.assemblagestudio.com
Category:
Private housing
Project selected:
TRESARCA
Location:
Las Vegas, NV, USA
Year:
2011

A Tresarca, i materiali sviluppano una massa stratificata nel passaggio dal seminterrato alla zona privata. Ogni strato rappresenta la stratificazione delle vicine Red Rock Mountains. L’alternanza dei materiali assicura la varietà di superfici associata alle formazioni rocciose. I crepacci tra i massi formano oasi in cui il paesaggio e l’acqua danno freschezza allo spazio.
Lo schermo a rete fornisce sia una protezione dal sole forte sugli spazi interni sia un gioco di ombre tra le forme. In questa casa lo stacco tra l’interno e l’esterno si è come dissolto.
L’ambiente non è delimitato da una recinzione, bensì dall’idea di uno spazio che sposta le barriere precedentemente percepite verso una forma espansa di vita all’interno e all’esterno. Anche in un ambiente così aspro, è possibile cogliere questo concetto attraverso lo sviluppo di cortili esterni studiati per ombreggiare e proteggere, che ricordano i crepacci presenti nelle formazioni rocciose che spesso ospitano oasi di vita all’interno di questo ambiente.


ARTIST RESIDENCE AND ATELIER

MODUS ARCHITECTS

Photos courtesy of Hannes Meraner, Martina Hunglinger, Niccolò M. Gandolfi

ARTIST RESIDENCE AND ATELIER

MODUS ARCHITECTSarchmarathonMODUS ARCHITECTS
Fallmerayerstrasse 7
39042 Brixen, Italia
www.modusarchitects.com
Category:
Private housing
Project selected:
ARTIST RESIDENCE AND ATELIER
Location:
Castelrotto, Bolzano, Italy
Year:
2012

Sospesa in cima a un crinale alla periferia del centro storico, la casa è suddivisa in due volumi incastrati fra loro che si aprono e guardano verso la valle nella città altoatesina di Castelrotto. Un plinto biforcato in cemento livella il sito in pendenza da cui s’innalzano i due elementi gemelli posti su una struttura di pali in legno per assicurare la visibilità dell’intero sito dal pianterreno.
Stretto tra la casa in cui ha vissuto l’artista Hubert Kostner e un’abitazione tradizionale vicina, l’angusto sito richiedeva lo sviluppo di una soluzione verticale, in cui il tetto assume un ruolo dominante.
I due elementi costitutivi – l’atelier e la casa – uniti sul fianco da una scala elicoidale, si spostano verso l’esterno e si fanno strada nell’uno o nell’altro volume come due fratelli litigiosi. Gli spazi di lavoro dello studio dell’artista, insieme a una piccola galleria, si trovano a livello del seminterrato e vi si accede attraverso una rampa che facilita il carico e lo scarico di materiali voluminosi e opere d’arte. Uno degli spazi di lavoro è uno studio a doppia altezza rivolto a nord che riceve una luce solare uniforme e indiretta ideale per la produzione artistica.
Nel costruire una casa e un atelier nella città natale dell’artista, turistica ma scenografica, Kostner ci ha continuamente coinvolti in un ironico scambio di battute fra tradizione e turismo, struttura e ornamento, ciò che è necessario e ciò che non lo è – solo per fare qualche esempio – pretendendo nel contempo una salda aderenza a un’espressione dell’architettura in cui nessun dettaglio viene lasciato al caso, in cui tutto non è né standardizzato né realizzato su misura. Questo modo di operare riguardava la dimensione non solo del fabbricato, ma anche di tutte le cose, gli oggetti e le superfici all’interno. Ad esempio, mentre gran parte dell’ebanisteria e degli arredi sono realizzati appositamente per il progetto, la ricerca di soluzioni semplici ma sorprendenti, unita al budget limitato, ha permesso di tenere sotto controllo il processo di progettazione.